Aipto.org

INTERFACCE PROTESICHE DEGLI ARTI INFERIORI: PROGRESSO CLINICO E TECNOLOGICO E POTENZIALE DIREZIONE FUTURA

interfacce-protesiche
Share on facebook
Share on email
Share on whatsapp

L’interfaccia uomo-protesi è una delle sfide più complicate che il campo ortoprotesico deve affrontare, nonostante gli investimenti sostanziali in ricerca e sviluppo da parte di ricercatori e clinici di tutto il mondo.

La rivista dell’International Society for Prosthetics and Orthotics, Prosthetics and Orthotics International, ha contribuito in modo sostanziale al crescente corpus di conoscenze su questo argomento. Nel celebrare il 50 ° anniversario dell’International Society for Prosthetics and Orthotics, questo articolo mira ad esplorare come le interfacce uomo-protesi siano cambiate negli ultimi cinque decenni, come la ricerca abbia contribuito alla comprensione della meccanica dell’interfaccia, come la pratica clinica sia stata informata di conseguenza e quali potrebbero essere potenziali direzioni future.

Sono stati presi in considerazione studi che riportano il confronto, la progettazione, la produzione e la valutazione degli invasi protesici degli arti inferiori e l’osteointegrazione. Questa revisione della letteratura dimostra che, negli ultimi 50 anni, la ricerca clinica ha migliorato la nostra comprensione degli invasi protesici e dei loro effetti; tuttavia, è ancora necessaria una ricerca di alta qualità.

In particolare, sono stati compiuti progressi nello sviluppo di meccanismi di controllo termico e del volume, con alcuni progetti che hanno il potenziale per l’applicazione clinica. Allo stesso modo, i progressi nella tecnologia di rilevamento, nelle tecniche di quantificazione dei tessuti molli, nella tecnologia di calcolo e nella produzione additiva si stanno muovendo verso la produzione di invasi basata sui dati e automatizzata.

Nelle persone che non sono in grado di utilizzare un’invasatura protesica, l’osteointegrazione fornisce una soluzione funzionale non disponibile 50 anni fa. Inoltre, l’osteointegrazione ha il potenziale per facilitare l’integrazione neuromuscolare. Nonostante questi progressi, sono necessari ulteriori miglioramenti nelle caratteristiche meccaniche degli impianti e il controllo e la prevenzione delle infezioni.

Bibliografia:

Reza Safari “Lower limb prosthetic interfaces: Clinical and technological advancement and potential future direction” – Prosthetics and Orthotics International. 2020 Dec;44(6):384-401. doi: 10.1177/0309364620969226. Epub 2020 Nov 8.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments