Aipto.org

LA SCELTA DEL PIEDE PROTESICO: QUALE RILEVANZA CLINICA?

piede-5
Share on facebook
Share on email
Share on whatsapp

Conoscere la capacità specifica del piede di adattarsi al terreno irregolare può aiutare a selezionare un piede protesico appropriato per le persone con un’amputazione degli arti inferiori. Adattamenti più rapidi e completi a terreni irregolari possono ridurre la necessità di compensazioni e quindi aumentare la sicurezza degli utenti.

In questo studio effettuato mediante test meccanici è stato valutato l’adattamento meccanico alle pendenze trasversali per sei piedi protesici misurati da un sistema di motion capture, proponendo un modello teorico che colleghi i dati misurati con gli adattamenti.

Il tipo e il grado di adattamento dipendono dal design del piede, ad esempio rigidità, separazione del primo dito o avampiede in carbonio continui, articolazione aggiuntiva della caviglia. Il modello utilizzato mostra elevate correlazioni con i dati misurati per tutti i piedi.

I piedi “toe split” si adattano meglio alle pendenze trasversali rispetto a quelli con avampiede in carbonio continui. Le articolazioni aggiuntive migliorano ulteriormente questo adattamento consentendo un’ulteriore inversione ed eversione. L’influenza sui parametri biomeccanici e clinici dovrebbe essere valutata in studi futuri.

Bibliografia:

Michael Ernst, Björn Altenburg, Thomas Schmalz “Characterizing Adaptations of Prosthetic Feet in the Frontal Plane” – Prosthetics and Orthotics Int. 2020 Jun 3;309364620917838.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments